Dettagli Progetto

Titolo

WIFF

Progetto

Uffici Direzionali, Operativi, Commerciali, Amministrazione, Riunioni

Luogo

ROMA ITALIA

Mq

27

Anno

2014

Responsabile
del Progetto

Luca Solazzo

Progettisti

Luca Solazzo

Collaboratori

Riccardo Bernaschi – William Di Tommaso

WIFF è una agenzia che si occupa di comunicazione integrata, web marketing e social media, che vuole dare ai propri clienti soluzioni mirate per sviluppare e aumentare le loro linee di business.
inoltre  può essere un interlocutore unico dalla creazione del marchio, passando per lo sviluppo di siti web e applicazioni mobile fino alla realizzazione di video istituzionali e shooting fotografici.
L’obiettivo della committenza era quello di avere uno spazio di lavoro efficente e polivalente costituita da : area operativa -riunioni, vano angolo cottura e armadiature di archivio, in uno spazio esiguo di soli 27 mq.Essendo lo studio all’interno di un cortile di un comprensorio in zona Prati, situato al piano terra, questo aveva bisogno di una maggior quantità di luce naturale finora inesistente.Per raggiungere tale obiettivo l’architetto ha svuotato completamente il piccolo ambiente mortificato da suddivisioni murarie che lo rendevano ancora più esiguo.
E’ stato possibile ripristinare una nuova porta di ingresso originariamente murata in aggiunta a quella esistente, entrambi in ferro acidato e vetro. L’apertura di un lucinerario nella zona riunioni ha contribuito a riportare luce naturale all’interno dell’ambiente .
Questa scelta sia architettonica che funzionale,ha inciso sull’aspetto del risparmio energetico avendo così un minor consumo di luce artifciale.La scelta del bianco predominante naturalemnte va in questa direzione, insieme alla rimozione  del vecchio controsoffitto e riportato alla luce il soffitto a voltine in mattoni e ferro reintonacati e tinteggiati di bianco.
Secondo step ma non meno importante del primo è stato quello di comprimere  servizi bagno-angolocottura in un volume posizionato all’interno dello spazio in modo da suddividere esso in tre diverse aree: Area riunione area relax e area opertivo.
Il volume servizio è l’elemento regolatore dello spazio,essendo scostato dalle pareti perimetrali originali  permette al fruitore una libera circolazione nell’ambiente a 360 gradi.
I tre ambiente sono filtrati da due pannelli scorrevoli in metacrilato color verde petrolio suggerito dal colore aziendale della committenza, funzionali a creare una camerda da’aria fra l’area operativa  e la zona sala riunioni , questi a loro volta sono schermati da una contropelle in acciaio smaltato bianco che funzionano da lavagna magnetica, dietro al quale possono scorrere le lastre.
Le tinte utilizzate rimangono sulle tonalità neutre dal bianco predominante al grigio del volume tecnico fino al nero testa di moro per la resina a pavimento,l’unica eccezione sono le due lastre diaframma in metacrilato di colore verde petrolio.
Il grigio del volume tecnico invade la zona corridoio creando un gioco pieno e vuoto messo in evidenza dal cromatismo si crea cosi un “effeto vasca”che “bagna il vuoto” il vuoto insieme al pieno.
L’anima contemporanea convive con l’anima Novecento del queartire borghese Prati attraverso il recupero delle voltine a soffitto, delle graniglie trovate sotto ad un pavimento in finto legno riposizionate all’interno del box doccia e all’interno dello spazio relax.